news

17 Maggio 2018

ILVA, AGNELLI: “INVESTIRE IN BONIFICA E SICUREZZA”

Il presidente di Confimi, lancia un appello al futuro governo

“Sarebbe un delitto abbandonare l’Ilva, il più grande laminatoio d’Europa" afferma Paolo Agnelli Presidente di Confimi Industria lanciando un appello ai futuri governanti affinché vengano tutelate le industrie e i posti di lavoro. "C’è ancora spazio per mettere in sicurezza l’ambiente, e con ArcelorMittal - sottolinea Agnelli - l’azienda potrà soltanto crescere. Quello che deve essere chiaro a tutti, decisori e cittadinanza è che insieme all’Ilva crescerà tutto l’indotto e si ricreeranno in pochissimi anni nuovi posti di lavoro. Chiudere lo stabilimento perché inquina e non imporre bonifiche e investimenti in sicurezza ambientale è un messaggio privo di buon senso. Non deve essere gettato al vento l’ottimo lavoro fatto dal Ministro Calenda”. E ancora, “In Italia bisogna finalmente tutelare senza se e senza ma le industrie e i posti di lavoro e porre fine a questa cultura antindustriale che da anni denunciamo” chiude Agnelli. Per Sergio Ventricelli (presidente di Confimi Puglia), "chiunque dovesse governare, la questione Ilva dev'essere sbloccata e risolta, improrogabilmente, entro il 2018".

ULTIME news

27 Luglio 2020

ALESSANDRO TATONE, VICE PRESIDENTE DI CONFIMI ALIMENTARE

Nominato l'imprenditore pugliese, già al vertice della verticale di Confimi Bari

Confimi Industria Alimentare si rafforza e dà il benvenuto a tre nuovi componenti di giunta. Si tratta di di Alessandro Tatone di Equity Puglia srl, presidente di Confimi Alimentare Bari, di Sergio Valenzano della Naturagri Società Agricola srl e in rappresentanza di Confimi Basilicata e di Alessandro Greppi di Primavera Food in rappresentanza di Confimi Piemonte. Non solo, Pietro Marcato presidente della categoria alimentare di Confimi Industria aggiunge al board un nuovo vicepresidente: alla figura di Riccardo Boscolo infatti si aggiunge proprio quella di Alessandro Tatone, con delega al Sud. “Un ampliamento necessario e voluto” sottolinea il presidente Pietro Marcato “per dare maggior forza e rappresentatività a uno dei settori trainanti della nostra economia, portato spesso in palmo di mano dai Governi, valorizzato all’estero ma spesso poco unito al suo interno”. “Fare rete, ha ricordato Marcato , è proprio quello che la categoria si propone di fare, a partire dal mettere a sistema le differenti esperienze territoriali”. Nel periodo estivo la Giunta lavorerà per elaborare progetti con ricadute sulle imprese del settore e produrrà osservazioni sui prossimi provvedimenti legislativi in uscita. In autunno poi la categoria sarà chiamata a rinnovare le proprie cariche. Ad Alessandro Tatone, gli apprezzamenti e gli auguri di buon lavoro del presidente di Confimi Bari, Sergio Ventricelli, del vice presidente Carlo Pellicola e dell'intero Consiglio Direttivo.

Alessandro Tatone

04 Marzo 2020

ALFONSO CIALDELLA PRESIDENTE DI CONFIMI MECCANICA

L'imprenditore coratino al vertice della verticale di Confimi Bari

Alfonso Cialdella è stato nominato presidente della sezione Meccanica di Confimi Industria Bari, Bat, Foggia. «Sono molto grato alla direzione di Confimi Industria - ha dichiarato l'imprenditore coratino - per il riconoscimento e per avermi dato fiducia. È un ruolo di grande responsabilità ed è per me un grande onore anche perché frutto dell’impegno e della dedizione al lavoro. Chiaro è che se oggi occupo questa posizione di vertice è anche grazie al mio staff e ai miei collaboratori che ogni giorno con me affrontano nuove sfide. Confimi Industria Bari-Bat-Foggia è un gruppo composto da imprenditori sani, di grandi valori etici e morali, con un grande spirito di appartenenza sociale e territoriale. Sono entrato a far parte di questa confederazione da subito, da quando mi hanno illustrato gli obiettivi e le prospettive future che ho immediatamente condiviso. Con il mio impegno cercherò di contribuire alla continua crescita di questo gruppo. In particolare i nostri obiettivi sono accrescere il tessuto imprenditoriale del gruppo, migliorare le condizioni contrattuali, formare ed informare le nuove generazioni al fine di non dipanare le risorse umane e rafforzando il capitale umano".

4265206_c1f843_850x478